Fiamme interiori: un viaggio nel labirinto del calo del desiderio sessuale

Il calo del desiderio sessuale, oggetto di studio approfondito all’intersezione della psicologia e della sessuologia, si configura come un complesso fenomeno caratterizzato dalla riduzione persistente del desiderio o dell’interesse per l’attività sessuale. In questo articolo, esploreremo scientificamente le definizioni, i sintomi, le cause e le prospettive di trattamento, sia a livello individuale che di coppia, per illuminare le sfumature di questo intricato aspetto della sfera sessuale umana.

Ascolta la versione audio dell’articolo

Desiderio e sessualità

Immagina il desiderio sessuale come una fiamma ardente, una forza che alimenta l’intimità e connette le anime. Se la sessualità è un aspetto fondamentale della vita di ogni individuo, influenzandone una gran parte del benessere, sono anche comuni i momenti in cui questa fiamma sembra perdere la sua intensità, lasciandoci a brancolare nel buio del calo del desiderio sessuale.

Le cause del calo del desiderio sessuale

Il calo del desiderio sessuale, noto anche come desiderio sessuale ipoattivo (HSDD), si presenta come un disturbo caratterizzato da una diminuzione marcata o una totale assenza dell’interesse sessuale, con impatti significativi sulla qualità della vita degli individui coinvolti. Questo fenomeno può manifestarsi attraverso la riduzione delle fantasie sessuali, la mancanza di iniziativa nell’instaurare attività sessuali e con un generale disinteresse per l’esperienza erotica.

Le cause del calo del desiderio sessuale possono essere categorizzate in ambiti psicologici e fisiologici. Le variabili psicologiche possono includere stress cronico, depressione, ansia, problemi di autostima e pregresse esperienze traumatiche. Le cause fisiologiche riguardano squilibri ormonali, effetti collaterali di farmaci e patologie mediche che possono influire sull’equilibrio ormonale e sulla risposta sessuale.

Nel contesto delle relazioni, la dinamica di coppia può agire come un determinante significativo, con problemi comunicativi e mancanza di connessione emotiva, che possono contribuire al declino del desiderio sessuale. Inoltre, i problemi di coppia possono essere causa ma anche conseguenza del calo del desiderio sessuale. È per questo che, oltre all’approccio terapeutico individuale, in alcuni casi può essere utile inserire anche un percorso di consulenza di coppia per affrontare il calo del desiderio sessuale, in modo da lavorare parallelamente su due dei piani che maggiormente influenzano il benessere, dell’individuo e della coppia.

La terapia

L’approccio terapeutico individuale al calo del desiderio sessuale si basa su interventi psicoterapeutici con un focus particolare sulla terapia cognitivo-comportamentale (CBT). Questo modello terapeutico mira a identificare e modificare schemi di pensiero disfunzionali, affrontando le variabili psicologiche sottostanti al fenomeno.

Nel contesto delle relazioni di coppia, il trattamento si estende a una valutazione della dinamica relazionale e alla promozione di strategie comunicative efficaci. L’intervento di coppia può includere sessioni di consulenza che esplorano la comunicazione, la comprensione reciproca e la ristrutturazione delle prospettive sessuali.

L’analisi scientifica del calo del desiderio sessuale sottolinea la necessità di un approccio multidimensionale. La comprensione delle cause psicologiche e fisiologiche, integrate con interventi terapeutici mirati, rappresenta la strada verso la riscoperta della vitalità sessuale. La scienza, così come l’arte, convergono nel tentativo di illuminare le intricate vie dell’esperienza umana, e il calo del desiderio sessuale è un capitolo che, con precisione scientifica e sensibilità psicologica, può essere compreso e affrontato, per permettere all’individuo di ritrovare il proprio benessere e vivere con serenità la propria vita.

Pensi che la psicoterapia possa fare al caso tuo?

Puoi usufruire di un colloquio gratuito con uno dei nostri professionisti

Bibliografia

Rellini, A. H., Hamilton, L. D., Delville, Y., & Meston, C. M. (2009). The cortisol response during physiological sexual arousal in adult women with a history of childhood sexual abuse. Journal of Traumatic Stress, 22(6), 557-565.

  • “L’esposizione a traumi sessuali durante l’infanzia è stata associata a una minore risposta fisiologica al desiderio sessuale nell’età adulta” (Rellini et al., 2009, p. 562).

Hawton, K., & Catalan, J. (1992). Sex therapy for erectile dysfunction: Characteristics of couples, treatment outcome, and prognostic factors. Archives of Sexual Behavior, 21(2), 161-175.

  • “La terapia sessuale ha dimostrato di essere efficace nel trattare il calo del desiderio sessuale nelle coppie, con il coinvolgimento attivo di entrambi i partner che si dimostra un fattore prognostico significativo” (Hawton & Catalan, 1992, p. 170).

Ostovich, J. M., & Sabini, J. (2004). How are sociosexuality, sex drive, and lifetime number of sexual partners related? Personality and Social Psychology Bulletin, 30(9), 1255-1266.

  • “Livelli più bassi di desiderio sessuale sono stati associati a un numero inferiore di partner sessuali nel corso della vita” (Ostovich & Sabini, 2004, p. 1263).

Moore, J. (2012). An introduction to the psychology of sex. Psychology Press.

Rosen, R. C., & Leiblum, S. R. (2008). Treatment of sexual disorders in the 21st century: Where are we and where should we be?, Journal of Sexual Medicine, 5(3), 447-451.

Nel caso tu abbia una segnalazione su un contenuto di questo articolo puoi scrivere se vuoi a info@contactu.it.

Saremo lieti di ascoltare cosa hai da dirci.

Supervisione editoriale dei contenuti

Sappiamo bene che i nostri articoli trattano tematiche sensibili e sentiamo una grande responsabilità verso ogni nostro lettore. Ecco perchè ogni contenuto del nostro blog è revisionato ed approvato dalla nostra redazione prima di essere pubblicato, per verificarne la chiarezza e la completezza.

Ti potrebbero interessare anche