Psicologia infantile: cos’è e quando può essere utile rivolgersi a un professionista

Il benessere psicologico è uno degli aspetti che, più di tutti, ha un impatto sulla qualità della vita degli individui, tanto per gli adulti quanto per i bambini. Comprendere lo sviluppo cognitivo, emotivo e comportamentale del bambino, così come supportarne e promuoverne il benessere psicologico, è il focus di ricerca e di intervento della psicologia infantile.

Ascolta la versione audio dell’articolo

Cos’è la psicologia infantile

La psicologia infantile è quella branca della psicologia che si interessa alla salute e allo sviluppo psichico del bambino, dalla sua nascita alla fanciullezza. Uno dei primi studiosi a concentrarsi sullo sviluppo infantile è stato Jean Piaget, che ha studiato l’evoluzione dei diversi stadi dello sviluppo della mente e del pensiero del bambino.

Nel corso del secolo scorso, altri gruppi di studiosi si sono interessati allo studio dello sviluppo dei bambini: i comportamentisti, che si sono concentrati sullo studio dell’apprendimento e del comportamento del bambino, e gli studiosi dell’apprendimento sociale. Questo corpo di conoscenze sul funzionamento e sullo sviluppo dei bambini ha permesso di sviluppare dei modelli teorici e di intervento specifici per l’età evolutiva.

Ad oggi la psicologia infantile concepisce il bambino secondo un approccio bio-psico-sociale, dove fattori biologici innati, legati alla genetica, interagiscono con fattori psichici e con fattori provenienti dall’ambiente sociale in cui il bambino è immerso. L’interazione tra gli aspetti biologici e psichici propri del bambino e l’ambiente (familiare, scolastico e sociale) in cui vive determina lo sviluppo dell’individuo.

Il bambino, quindi, sin dalla nascita, risente dell’influenza dell’ambiente e, a sua volta, esercita un’influenza su di esso. Gli ambienti familiare, scolastico e sociale possono diventare fattori di protezione (sostenendone il benessere psicologico) o fattori di rischio (cioè essere possibile fonte di disagio) per i disturbi psicologici infantili.

I disturbi infantili più frequenti e i loro sintomi

La crescita del bambino rappresenta un percorso delicato, perché le esperienze di vita, in queste fasi, influenzano il futuro sviluppo psichico. In quest’ottica, i disturbi psicologici infantili più frequenti variano a seconda della fascia d’età e al momento di sviluppo in cui si trova il bambino quando ha sperimentato i fattori di disagio.

In linea generale, i disturbi infantili più frequenti sono:

  • disturbi d’ansia;
  • disturbi dell’umore;
  • disturbi della condotta e del comportamento;
  • ADHD (Disturbo da Deficit d’Attenzione e Iperattività);

Nel bambino, la personalità è ancora in via di formazione, e sua capacità di comprensione ed espressione dei propri problemi può essere ancora incompleta. Per questo, l’espressione della sofferenza psichica assume caratteristiche differenti tra adulto e bambino.

I bambini tendono a manifestare il loro disagio in modo più sfumato e meno diretto, attraverso sintomi psicosomatici (mal di pancia, nausea, mal di testa ecc.), attraverso sbalzi d’umore, difficoltà di socializzazione e ritiro sociale, problemi nel rendimento scolastico, difficoltà nel raggiungimento delle autonomie personali.

Essere attenti a queste eventuali manifestazioni permette di individuare le possibili sofferenze psichiche del bambino, e quindi di intervenire in suo aiuto.

Quando rivolgersi a uno psicologo infantile e cosa fa

Quando il disagio psichico del bambino e le manifestazioni sintomatologiche ad esso associate compromettono il benessere psicofisico e/o limitano la sua capacità di affrontare e superare le sfide evolutive (la crescita, la socializzazione, la scuola), può essere molto utile rivolgersi a uno psicologo infantile.

Rivolgersi a uno psicologo infantile non significa “ingigantire un problema” o essere eccessivamente preoccupati, ma può essere un’occasione per aiutare i nostri figli nei momenti più difficili della loro crescita, fornendo loro ascolto, supporto e accettazione.

In alcuni dei momenti e delle occasioni più complesse, può essere proprio necessario rivolgersi a un professionista con una formazione specifica, così da poter aiutare il bambino (e, di conseguenza, anche la famiglia) a riacquisire equilibrio per poter crescere in armonia.

Cosa fa lo psicologo infantile

Lo psicologo infantile, attraverso l’ascolto, il gioco e altri tipi di intervento, supporta il bambino e lo sostiene nel suo percorso di sviluppo, lo aiuta ad avere una migliore comprensione dei suoi problemi e delle sue emozioni, lavora sulle sue rappresentazioni e sul comportamento, e gli fornisce gli strumenti per poter comprendere meglio i sentimenti ed esprimerli in modo funzionale.

Differenza tra Psicologia Infantile e Parent Training

Psicologia Infantile e Parent Training differiscono principalmente sul destinatario dell’intervento: nella psicologia infantile, si interviene e si lavora direttamente con il bambino, aiutandolo ad affrontare il disagio psichico che sta vivendo e che influenza il suo sviluppo; nel Parent Training, invece, i destinatari dell’intervento sono i genitori (o chi ne fa le veci), con l’obbiettivo di supportarli nel complesso compito della genitorialità, aiutandoli a sviluppare modalità educative e di comunicazione più efficaci e funzionali all’interazione con il figlio.

Spesso, l’intervento dello psicologo infantile e il Parent Training vanno di pari passo, così da fornire il supporto necessario sia al bambino, sia alla sua famiglia.

 

Contributo a cura di Dott. Giulio Dessì, Psicologo e psicoterapeuta in formazione

Pensi che la psicoterapia possa fare al caso tuo?

Puoi usufruire di un colloquio gratuito con uno dei nostri professionisti

Bibliografia

Camaioni L., Di Blasio P., Psicologia dello Sviluppo, il Mulino, Milano, 2007.

Meledandri G., I numeri che contano: l’epidemiologia nell’infanzia e nell’adolescenza, Rivista di Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza, Giugno, 2011.

Galeazzi A., Meazzini P., Mente e Comportamento: trattato italiano di psicoterapia cognitivo-comportamentale, Giunti edizioni speciali, Firenze, 2004.

Nel caso tu abbia una segnalazione su un contenuto di questo articolo puoi scrivere se vuoi a info@contactu.it.

Saremo lieti di ascoltare cosa hai da dirci.

Supervisione editoriale dei contenuti

Sappiamo bene che i nostri articoli trattano tematiche sensibili e sentiamo una grande responsabilità verso ogni nostro lettore. Ecco perchè ogni contenuto del nostro blog è revisionato ed approvato dalla nostra redazione prima di essere pubblicato, per verificarne la chiarezza e la completezza.

Ti potrebbero interessare anche